Skip to content

Polpette, la tipica ricetta del giorno dopo

Polpette

Le polpette sono la tipica ricetta del giorno dopo, che può essere preparata per recuperare carne già cotta. 

Ogni famiglia ha la propria ricetta, e quella che proponiamo qui è molto standard, personalizzabile a seconda dei gusti con ogni ingrediente. 

1) Tritare la carne. Si può utilizzare macinato crudo, di pollo, manzo, maiale, vitello, tacchino o di più carni mixate, lesso di carne e qualsiasi altro ritaglio già cotto e avanzato da ricette precedenti. Mescolare con due uova intere, un po’ di parmigiano o pecorino, prezzemolo, sale, pepe, noce moscata o altre spezie a seconda dei gusti. 

2) Ammollare il pane raffermo. Il pane è uno degli ingredienti più spesso sprecati. Può invece essere riciclato per tutte le ricette che prevedono l’uso del pane raffermo, come le polpette o i polpettoni. Lasciare la mollica nel latte freddo per qualche minuto e poi strizzarla prima di aggiungerla alla carne. 

3) Modellare le polpette. Più sono piccole, minore sarà il tempo necessario alla cottura. 

4) Rotolare le polpette in un po’ di farina bianca e dorarle a fuoco alto in padella con un po’ di olio, su tutti i lati. 

5) Se si è scelto di utilizzare carne cruda, è necessario procedere ad una cottura lunga. È possibile far sobbollire le polpette per 30/40 minuti in abbondante sugo di pomodoro, o cuocerle in forno per lo stesso tempo a 180/190 gradi, dopo averle irrorate di olio d’oliva. Se si è scelta una preparazione con carne cotta, è possibile ridurre il tempo di preparazione anche della metà. 

Le polpette possono essere estremamente personalizzate: aggiungi salumi avanzati, cubetti di formaggio, verdure come zucchine o spinaci, spezie. Con la stessa semplice ricetta puoi provare numerose combinazioni creative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

768 commenti su “Polpette, la tipica ricetta del giorno dopo”