Skip to content

POLPETTE DI RICOTTA FRITTA: L’APERISFIZIO SICULO

La ricotta fritta è una specialità che appartiene alla tradizione contadina siciliana spesso impiegata per farcire paste al forno, focacce e torte salate. 

Simbolo della pasticceria siciliana, ne è un esempio l’iris palermitano che a differenza dell’arancino é un dolce fritto ma non salato.  

Poiché le polpette di ricotta fritta sono un finger food delicato e molto gustoso che solitamente si consuma in occasioni come gli eventi a buffet, per la loro sfiziosità infatti sono ideali da proporre come

  • antipasto 
  • aperitivo 
  • salvacena (nel caso in cui la ricotta non fosse fresca di giornata)   

PREPARARE LE POLPETTE DI RICOTTA FRITTA CON SOLI 4 INGREDIENTI 

-300g ricotta di pecora meglio ancora se ovicaprina [più compatta e quindi facile da tagliare: sconsiglio quella di mucca perché troppo acquosa]  

-2 tuorli d’uova  

-3 cucchiai di pangrattato 

-3 cucchiai di formaggio grattugiato (parmigiano o pecorino)

-mollica di pane raffermo/5-6 fette di pancarré 

-3 cucchiai farina 00, sale, pepe bianco, olio per friggere q.b. 

erbe mediterranee (prezzemolo/menta oppure maggiorana,salvia, rosmarino e 1 spicchio d’aglio), pepe macinato, granella di pistacchio, scorza di limone, affettati  

Per una buona riuscita della ricetta, la ricotta: 

  • non deve essere bagnata 
  • dev’essere del giorno prima o anche 2-3 giorni va bene
  • per precauzione avvolgerla in un panno di cotone lasciandola sgocciolare in frigorifero almeno 1 ora, per eliminare tutto il siero

Se siete intolleranti a questo formaggio o addirittura allergici, vi consiglio di sostituire la ricotta con le mozzarelline ciliegine (anche i nodini vanno bene), un’ottima alternativa che vi stupirà 🙂  

COME PREPARARE IL RIPIENO DELLE POLPETTE  

Stemperate la ricotta con una forchetta o il dorso di un cucchiaio, aggiungendo il prezzemolo finemente tagliato, uno spicchio d’aglio e un tipo di verdura a vostra discrezione (anche del prosciutto cotto o dello speck tagliato a dadini non guasta mai). 

Condite con sale e pepe macinato

Dovete ottenere un impasto sodo, omogeneo, denso e cremoso: se vi accorgete che é troppo morbido, aggiungete dell’altro formaggio grattugiato. 

Per una maggiore consistenza dell’impasto aggiungete 5-6 fette di pancarré frullate o della mollica di pane raffermo.  

Per ottenere un ripieno filante invece inserite in ogni polpetta un pezzetto di scamorza e provolone

RICETTA POLPETTE RICOTTA FRITTA: L’IMPANATURA  

Per preparare l’impanatura iniziate tagliando il vostro panetto di ricotta a cubetti, alti almeno 2-3 cm: questi deliziosi bocconcini costituiranno il ripieno delle vostre golose polpette!  

Bagnate completamente i cubetti con il tuorlo di 2 uova medie poco salate, per poi passarli uno a uno nel pangrattato e parmigiano.

Per una migliore consistenza della panatura, passate i vostri cubetti di ricotta nel pangrattato secondo la regola farina-uova-pangrattato.

POLPETTE DI RICOTTA FRITTA: MODALITÀ’ DI COTTURA 

Per stare leggeri potete anche scegliere di cuocerle 15 minuti in forno preriscaldato a 180°, ricordandovi di girare a metà cottura.  

Prima di cuocerle fate riposare in frigorifero per almeno 30 minuti. 

Cuocete a fuoco alto in olio abbondante, finché non bolle. 

Pronti per la frittura, ricordatevi subito di girare i cubetti impanati da entrambi i lati fino a ottenere la doratura desiderata. 

Se vi avanzano anche se ne dubito conservate in frigorifero solo 2 giorni in un contenitore ermeticamente chiuso. 

Decorate con foglioline di menta e servite su carta da cucina assorbente (carta paglia) per evitare di ungere. 

In questo modo avete ottenuto le vostre buonissime polpette di ricotta fritta, deliziose soprattutto se accompagnate da salse! 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

89 commenti su “POLPETTE DI RICOTTA FRITTA: L’APERISFIZIO SICULO”