Skip to content

PAPPA AL POMODORO UN PIATTO CONTADINO

PAPPA AL POMODORO

La pappa al pomodoro, che ha ispirato anche una canzone, è un piatto contadino toscano (o meglio di Siena). 

Non serve altro che della salsa e del pane raffermo, e il gioco è fatto.

LA RICETTA DELLA PAPPA AL POMODORO 

Ecco l’occorrente per una ricetta coi fiocchi:

  • 800 grammi di passata di pomodoro
  • 300 grammi di pane raffermo
  • Brodo vegetale
  • 35 grammi di olio EVO
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 pizzico di Zucchero
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • 1 mazzetto di basilico

PROCEDIMENTO

La pappa al pomodoro è molto facile da preparare. 

Si deve iniziare a fare il brodo vegetale. 

Dunque iniziare ad affettare il pane. 

Usare un tagliere, affettare il pane sottilmente. 

Ogni fettina va appoggiata su una leccarda rivestita da carta forno, poi infornare a 200 gradi per qualche minuto. 

Dopo aver tolto il pane dal forno lasciare intiepidire. 

Quando saranno fredde, strofinarci sopra gli spicchi di aglio prima sbucciati.

Ora bisogna prendere una padella antiaderente, che abbia i bordi alti, per metterci all’interno il pane tostato. 

Versare sopra della passata di pomodoro, poi anche il brodo vegetale. 

Le fette di pane devono essere del tutto coperte. 

Versare il pizzico di zucchero, poi iniziare a far cuocere a fuoco lento per almeno una cinquantina di minuti, così che il liquido evapori. 

Va girato il tutto di tanto in tanto così che la cottura possa avvenire in modo uniforme e così che il pane diventi una pappa.

Salare e pelare a piacere. 

Quando la cottura sarà conclusa si può spegnere sotto il fuoco e poi aggiungere le foglie di basilico. 

Esse serviranno a dare un sapore fresco e intenso alla pappa. 

La preparazione è così ultimata. 

Si consiglia di servire la pappa al pomodoro in delle ciotole alte, proprio per dare quel senso di zuppa calda. 

Non va dimenticato infine il tocco clou: abbondante olio di oliva a filo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

297 commenti su “PAPPA AL POMODORO UN PIATTO CONTADINO”