Skip to content

Melone e anguria, i frutti più amati dell’estate

melone e anguria

Melone e anguria sono tra i frutti più amati dell’estate: dissetanti, dolci e rinfrescanti, forniscono ottimi apporti di vitamine e sali minerali, facilmente persi a causa della sudorazione, e di acqua. 

È possibile coltivare sia il melone che l’anguria nell’orto, per quanto entrambe le piante abbiano bisogno di uno spazio piuttosto ampio per crescere agevolmente e produrre frutti delle giuste dimensioni. 

Le varietà

È possibile distinguere i meloni in lisci (mediterranei) e retati (di origine americana). Entrambi si raccolgono non prima di 120/160 giorni dalla semina. Esistono poi meloni invernali, con la buccia gialla e la polpa bianchissima, che però crescono più lentamente. 

Le angurie possono arrivare a pesi considerevoli, ma per l’orto è suggerita la coltivazione delle baby angurie: più piccole e rotondeggianti, sono sufficienti per una famiglia di piccole dimensioni e sono anche decisamente più pratiche da trasportare e da coltivare (perchè richiedono molto meno spazio). In alternativa, esistono angurie con buccia scura o chiara, striate o monocolore, con o senza semi, ma bisogna tenere conto dello spazio di cui necessitano per la crescita. 

Terreno e clima

Entrambe le piante hanno bisogno di sole e calore per crescere e sviluppare bei frutti. Se la temperatura scende sotto i 15 gradi entrano in uno stato di stasi di crescita.

Hanno bisogno di terreni ben drenati ma sempre umidi, molto ricchi di potassio (è possibile utilizzare concimi ed integratori già pronti per riequilibrare il bilancio dei minerali del terreno). 

Semina e coltivazione

I semi di melone possono essere seminati nel semenzaio a partire da aprile, quando le ore di sole sono di più e la temperatura durante la notte non cala troppo. Se si desira piantare i semi direttamente nel campo, è possibile procedere da metà aprile a metà maggio. Ogni pianta avrà bisogno di almeno 1,5mtq per crescere agevolmente. 

I semi di anguria possono essere piantati a partire da fine aprile nel semenzaio, aspettando almeno maggio per il trasporto nel campo. 

Se la procedura con i semi richiedesse troppo tempo, è possibile acquistare piantine già cresciute e pronte per essere sistemate nell’orto. Anche le angurie vanno trapiantate con almeno 1,5/2 mtq di spazio per pianta. 

Sia le angurie che i meloni hanno bisogno di alcune accortezze durante la coltivazione:

  1. Bisogna tenere i frutti sollevati dal terreno per evitare che marciscano. Basta posarli su un’asse di legno o su un piccolo mucchietto di paglia
  2. Hanno bisogno di molta acqua, ma somministrata con lentezza in modo da lasciare il terreno ben umido durante tutta la giornata
  3. Le angurie, negli ultimi giorni di maturazione, vanno ruotate quotidianamente perchè tutta la buccia venga colpita dal sole e assicuri il giusto grado di maturazione e dolcezza della polpa. 

Malattie e parassiti

Le due malattie che più frequentemente aggrediscono il melone e l’anguria sono il pitium e il verticilium. Entrambe sono favorite dall’umidità, per cui è necessario che la pianta sia sempre idratata ma mai eccessivamente bagnata. Eliminate i ristagni di acqua prevedendo un sistema di drenaggio dei fluidi in eccesso. 

Gli afidi possono aggredire le foglie causando rallentamenti nella crescita e la morte della pianta: sono eliminabili con prodotti specifici da utilizzare secondo le indicazioni del produttore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code